“tre forme d’amore”

La porta del bagno è un taglio di luce nel buio del corridoio. Più mi avvicino e più si allarga, fino a permettermi di vederle: mia nonna seduta sulla sua sedie a rotelle, completamente nuda, e mia madre in ginocchio sul pavimento di maiolica mentre strofina la spugna bagnata con acqua e sapone sulla sua pelle bianca e sottile. Nonna è così magra che le sporgono tutte le ossa. A guardarla fa un certo effetto. E’ così vecchia, eppure mia madre la sta lavando come se dovesse conservarla intatta per il resto dei suoi giorni. Come se fosse questo l’unico compito per il quale valga ancora la pena alzarsi la mattina. Ha il viso arrossato, le labbra scure e screpolate, di tanto in tanto fa una pausa si asciuga la fronte e gli occhi. Nella vita arriva un tempo in cui i genitori diventano di nuovo figli. screenhunter_01-dec-07-22-36 Mia nonna è stata la mia seconda madre. Parte della mia infanzia l’ho trascorsa con lei lontana dalla mia famiglia. Mi ha donato immenso amore e dedizione e con lei mi sentivo al sicuro, protetta. Ma questa è un’altra storia che forse racconterò Provo per lei un affetto smisurato e vederla così indifesa consumarsi giorno dopo giorno è per me una tristezza infinita. Non entro nel bagno, resto dietro la porta come sospesa, avanzare sarebbe come spezzare un equilibrio che si è creato fra madre e figlia. Sembra quasi una cornice, una tela dove è rappresentata la fine di un’esistenza. Mentre mi allontano penso alla vita..ai giorni..a quel momento.

Goditi ogni cosa, ogni sogno e ogni progetto, perchè domani potrebbe essere diverso.

Annunci

10 thoughts on ““tre forme d’amore”

  1. quest’istantanea (non sto parlando della fotografia, ma dell’immagine che hai tratteggiato con le parole) è perfetta: due piani di fuoco, uno sulla madre e la figlia, l’altro appena oltre la porta socchiusa, con la nipote un po’ fuori fuoco. Ai due piani corrispondono sentimenti ed emozioni differenti, in uno la devozione della figlia, come una restituzione delle cure un tempo ricevute, e la rassegnazione della vecchia madre che si lascia accudire, si affida a quelle mani, nell’altro la contemplazione della nipote che racchiude in se’ affetto, impotenza, nostalgia.
    Avessi dovuto dare un titolo alla tua istantanea (sempre quella a parole) avrei scelto: “tre forme d’amore”
    ml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...