Periodi di festa per …

2246457_ABDULLAEVAMARIYAjpg

Periodi di festa per celebrare la Prima  Comunione di nipoti o cugini.
Eventi e occasioni che riuniscono parenti e amici e  ci si ritrova proprio tutti, anche chi non si vede da perecchio tempo  per motivi diversi, per  impegni lavorativi o per i tanti chilometri che separano.

Giornata piacevole, tutti attorno ad una tavola e fra una pietanza e un bicchiere di vino scorrono le parole, ci si racconta.
Sembra quasi che si accorcino le distanze  e i tempi della lontananza….

Ma qualcuno ha deciso di non esserci semplicemente perché si sentiva di troppo e perchè la presenza di qualche partecipante non gli era gradita.
Posso comprendere se si tratta di amicizie,quelle si scelgono, ma non di un fratello.
E’ sempre sangue del proprio sangue, persona con la quale si è vissuto un’esistenza, con cui si è condiviso  giochi, notti insonni, sogni, la scuola, le delusioni d’amore, le partite di pallone, le amicizie…l’affetto dei genitori e il grembo di una madre.
Hanno prevalso l’astio, l’ orgoglio, le discussioni a non finire e non vorrei osare dire “l’odio”….e tutto per  soldi.

Sarei meschina se non ammettessi che il denaro al giorno d’oggi è importante per garantire una vita dignitosa, ma non permetterei mai che interferisse sui miei affetti e mai e poi mai sino al punto di dividere un unione  fra fratelli, in questo caso anche gemelli.

Mi chiedo ..come potrei vivere serenamente con due soldi in tasca quando una parte del mio cuore è lontana?
Ma possibile che al giorno d’oggi si perdano di vista tanti valori e il denaro ha sempre la priorità assoluta anche dinanzi ai sentimenti?

Annunci

52 thoughts on “Periodi di festa per …

  1. Purtroppo è così, e una situazione del genere la conosco bene.

    Uno zio di mio padre e sua moglie hanno avuto sette figli, tutti ormai grandi e sposati con figli a loro volta, divisi tra Milano e la Francia. Sono morti entrambi qualche anno fa. Mio zio era contadino e per tutta la vita ha lavorato il suo piccolo pezzo di terra e si è fatto una casetta. Niente di che. Alla loro morte i fratelli si sono tutti litigati e divisi per quelle due robe che i genitori avevano, arrivando perfino a denunciarsi tra di loro e a mettere in mezzo gente che non c’entrava nulla.

    Prima di morire, mio aveva dato loro i soldi che spettavano divisi in parti uguali, ma più che la malattia lo ha ucciso il dolore di vedere i figli litigarsi e dividersi per una fesseria.

    • è una gran tristezza…!!
      Se uno diventasse ricco sfondato potrei anche capire..si sistema per tutta la vita..ma per quattro soldi in croce ne vale davvero la pena??
      Boh…
      Anche il fratello di mio padre ha fatto il furbetto…ma mio padre si è fatto una risata dicendogli che con quei soldi aveva solamente sporcato la sua reputazione e la sua vita sarebbe sempre stata una tristezza…
      Non ha mai voluto litigare per questa cosa ha proprio lasciato perdere…e io l’ho ammirato!!
      Ciao Jim…scusa se rispondo solo ora ma sono giorni bollenti per me…. in tutti i sensi 🙂 🙂

  2. Purtroppo è possibile e di casi come questi ne conosco molti. Un esempio anche nella famiglia di mia madre, suo fratello e sua sorella non si sono parlati per anni per questioni di eredità. Ora le cose sono un po’ migliorate, nel senso che se si vedono per strada almeno si salutano e a volte scambiano quattro parole. Nel loro caso il tempo ha aiutato in parte, in molti altri casi invece non succede e, come scrivi anche tu, è davvero una grande tristezza 😦

      • Sì, diciamo che hanno capito in parte anche grazie a mia madre che ha fatto un po’ da mediatrice. Comunque le persone che hanno alimentato di più il fuoco dell’odio in questi 30 anni sono stati i rispettivi consorti dei miei zii, cioè la cognata e il cognato alla fine. Un bacio cara e buona giornata!

  3. non c’è casa in cui non ho visto litigare…. e ti dirò di piu’… qualcuno ha avuto il coraggio di chiedere gli arretrati del mese della pensione del defunto che diviso x figli nel 1989 venivano 5 mila a testa… detto questo ormai non mi sorprendo piu’ di nulla.. l’uomo riesce ad essere davvero meschino.

    • sai cosa mi crea parecchio fastidio?…quando sono le nuore a pretendere l’eredità del suocero quando dovrebbero fare un passo indietro e stare solo zitte!!
      Ciao Alby….
      Ps. vieni dalle mie parti?..con questo caldo la spiaggia è invitante!

      • Vorrei farlo un salto a Cattolica a trovare mio fratello, ma non so quando. Poi l’ultima volta non sei neanche venuta a salutarmi in stazione, ti aspettavo col fazzolettino bianco….
        Ho già fatto il ponte al mare, ma sai, io sono un po’ più a nord….

      • ah ah ah..seeeee il fazzolettino bianco al vento!!!!!
        Ma davvero vieni in treno??…ti manca una quattro ruote??

        Ps vorrei portare mia figlia a visitare Milano…se vengo in treno è conveniente girare poi in taxi??..

      • Il Taxi è carissimo a Milano, però si gira bene anche con i mezzi. E Milano non è nemmeno tanto grande per girarla a piedi…. 🙂 Ti vengo a prendere io, mi posso fingere un mezzo di Uber…..
        Vorreste andare all’EXPO? Converrebbe usare le navette.
        Vado in treno se viaggio da solo, costa meno, è più veloce ed è meno stancante.

  4. Credo che il denaro sia solo un simbolo, spesso più affettivo che venale. A volte sono recriminazioni che nascono in realtà da gelosie più profonde. Non sempre eh?

  5. È molto triste ma è così. Io ho una sorella, ma siamo molto unite e soprattutto oneste e leali. Credo che alla morte dei nostri genitori riusciremo a fare le cose per bene. Ne ho visti troppi fratelli che non si parlano più, che chiudono per sempre fra di loro e anche con i genitori ancora in vita. Per me sarebbe un dolore insuperabile, non oso neanche pensarci. Buona giornata cara.

  6. Guarda, “invidio” chi ha il tuo “senso della famiglia”, che io invece non sento.. Nel mio caso non so da cosa dipenda, sicuramente non da questioni economiche (almeno non per ora) ma purtroppo non riesco a provare affetto e a sentire un legame con persone che mi sono estranee o verso cui provo rancore. Sia inteso, non con tutti è così, ci sono parenti che ho il piacere di vedere e con cui, anche se le occasioni di oncontro sono rare, ogni volta scatta una particolare “simpatia”, c’è calore. Con altri assolutamente no, e purtroppo il legame di sangue non basta, questo è quello che penso io. Anzi, a volte rappresenta una forzatura notevole. Purtroppo. Mi è capitato di riversare gli affetti che sarebbero destinati ai miei parenti ad altre persone, conosciute negli anni, in particolare alle famiglie dei miei amici o fidanzati. Credo che gli affetti non si possano forzare..

    • Beh…come si suol dire gli amici si scelgono ma i parenti no…purtroppo
      Il tuo essere diciamo.. “indifferente” verso le persone che ti vivono accanto lo trovo curioso ma non strano
      Evidentemente sei cresciuta mantenendo un rapporto distaccato con certi parenti perché non ti sentivi in sintonia con loro e non ti sei lasciata andare all’iprocrisia come molti fanno
      Lo trovo giusto il tuo comportamento e ho letto fra le righe una sorta di libertà che non è da tutti..spesso certi vincoli di sangue portano a costrizioni e finzioni che poi sfociano in quello che ho raccontato nel post
      Concordo con te “gli affetti non si possano forzare..”

      • Ho appena letto meglio il tuo post, rendendomi conto che mi son fatta trascinare da quello che è il mio vissuto, che mi porta a vivere con fatica i momenti di forzato incontro tra parenti, ma mi ha anche portata un po’ o.t. rispetto al tuo discorso.. scusami. No, in effetti dispiace quando le divisioni sono create da questioni economiche, ma a pensarci bene a volte (e senza conoscere il caso specifico che descrivi tu) se ci fosse correttezza e onestà, oltre che legame di sangue, certe questioni economiche non nascerebbero neanche.. te lo dico perchè lo vedo già con mio fratello.. non solo non esiste un rapporto tra di noi, ma ha sempre avuto un atteggiamento approfittatore che so già mi creerà problemi in futuro.. Son cose brutte, ma è per questo che ti parlo così.

      • Non ti devi scusare per nulla..non sei stata ripetitiva hai semplicemente raccontato la tua esperienza
        Ti comprendo sai quando parli del rapporto con tuo fratello perchè somiglia a quello che ho con il mio…noi siamo l’opposto.
        Lui si presenta alla porta solo quando deve chiedere aiuto e se per un caso avessi bisogno di una mano non è minimamente preoccupato della cosa..
        Non saprei dirti come andrà a finire riguardo un eventuale eredità..una cosa è certa…non ho intenzione di arrivare ai ferri corti
        Buon pomeriggio 🙂 🙂

  7. per rispondere alla tua ultima domanda, bè credo proprio di sì, e purtroppo credo andrà sempre peggio visto come girano le cose in questa società…
    Una buona giornata e complimenti per i temi che tratti nei tuoi post, sempre interessanti e attuali.
    Un saluto gentile 🙂
    Barbara

  8. Come dice qualcuno è vero, quella raccontata da te nel post è una storia vecchia ma aggiungo che solo chi ha provato odio verso un fratello può capire i confini di tale sentimento.
    Bisogna raggiungere il limite per comprendere, senza sorprendersi, dell’allontanamento di qualcuno con cui si ha condiviso il ventre di una madre
    Essere traditi da un fratello è una ferita insanabile, perchè se con un conoscente si sta in allerta con un fratello questo non accade, ci si rapporta con infinita fiducia
    Non sto a raccontare come è andata perchè storie di questo calibro sono quasi tutte simili, posso solo dire che io non volevo di più di ciò che mi spettava ma lui ha fatto in modo di prendersi anche quello che non gli si doveva
    Se ne poteva parlare, ma è partito all’attacco mettendo in piedi una disputa legale trascinata per anni, e oltre alla perdita di una parte di eredità si sono aggiunte le spese legali che non avevano mai fine
    Un giorno mi è capitato di incrociarlo per strada e lui ha abbassato gli occhi: io no, ho proseguito di gran passo fiero di me stesso

    Oggi vivo sereno lontano da lui

    • hai ragione, bisogna provare certe esperienze per capirle fino in fondo
      Io mi sorprendo quando sento di familiari che litigano per soldi, ma poi bisogna considerare i tanti sentimenti che emergono, come rabbia, delusione, sfiducia, dolore non semplici da gestire
      Mi dispiace per la tua situazione..se riesci a vivere in pace con te stesso hai raggiunto un bel traguardo..non è così per tuo fratello!
      Ciao Carlo 🙂

  9. Il denaro è una brutta bestia, perché per pochi spicicoli spesso si aprono delle voragini difficili da chiudere.
    Sarà perché ho sempre dato poca importanza al denaro, non perché ne ho troppi ma perché sono riuscito a vivere con la mia famiglia con quello che abbiamo.
    Quindi comprendo la tua amarezza.
    Felice settimana
    Un abbraccio

      • A volte mi arrabbio, guardandomi intorno e poi mi dico ‘chi melo fa fare?’
        Così mi comporto e faccio quello che si deve fare e alla notte dormo sereno.
        Felice serata
        Un grande abbraccio

  10. Quando per “la facciata”, si ingoiavano tutte le riunioni familiari , coi baci obbligati , scambiati sulle due guance , gli ampi abbracci , mentre lo sguardo vagava curioso in cerca di cose da criticare , i finti sorrisi e le esclamazioni di gioia….
    Poi il bimbetto rivelatore..
    A una cresima , hanno presentato una nuova zia a un piccolo di quattro anni e lui, dopo averne sentito il nome ha esclamato ad alta voce : ” mamma questa e’ una delle maledette?”
    ……………………….
    No comment , ma meglio scegliersi anche i parenti , oltre che gli amici…!
    Bello il tuo post , come sempre!

    • scusami ma il tuo commento mi ha fatto sorridere
      Che figuraaaaaaaaaaa ha fatto fare il piccolino!!
      Cmq è vero…eiste un’ipocrisia fra famiglie da brividi…ecco quando mi accorgo di questo cerco di stare alla larga e frequentare assiduamente solo chi sento più vicino
      Appoggio il tuo pensiero…come te scelgo anche i parenti ^__*

  11. Penso sia stato sempre cosi’, una tristezza, io adoro i miei fratelli, loro sono molto piu’ importanti, un abbraccio cara, passa una bellissima settimana, ❤

  12. Vogliamo parlare dei fratelli che litigano per colpa delle mogli che ci mettono il becco? (e viceversa). Per come sono fatta, preferisco allontanarmi dalle dispute; che si contendano gli altri le varie eredità. Mi sentirei troppo stupida a litigare per soldi e cose materiali. Dopo anni di questioni familiari irrisolte, condite da avvocati e parenti che non guardano in faccia nessuno pur di racimolare il centesimo, mi sono convinta sia meglio lasciare che si scannino gli altri; tenetevi pure tutto che io vado per la mia strada.
    Buona serata! 🙂

  13. Purtroppo hai ragione e me lo chiedo spesso anche io. Ma mi guardo attorno e vedo sempre che i valori sono una parole sconosciuta! Baci e buona settimana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...