Sono testarda…

Ho discusso con il mio consorte  e mi ha detto che sono testarda..tiro dritto per la mia strada senza seguire il suo consiglio.
Ho sorriso..
E lo ammetto..lo sono!!
La testardaggine è il difetto pregio che ognuno di noi si porta dietro.
Penso che in noi abbia delle fortissime basi.

Essere testardi non vuol dire assolutamente essere ottusi o metodici, la testardaggine ha una marcia in più: ci rende capaci di raggiungere le più alte vette del vivere quotidiano, ci aiuta a non mollare di fronte alle avversità.
Ci aiuta a restare noi stessi nel rapportarci con gli altri.

Quindi prendo il lato positivo di questa sfumatura della personalità che molti  annoverano nei difetti.

depositphotos_8259515-stock-photo-black-and-white-fashion-abstract
È meglio il dolore di una sconfitta che il rimorso di non averci provato.

Non la vedevo…

Non la vedevo da più di un anno  e quando me la sono ritrovata davanti mi ha fatto quasi paura.

Sembrava più piccola del solito,come se qualcosa la stesse consumando all’interno  e le stesse risucchiando tutte le energie.

Avrei voluto dirle che non avevo più intenzione di assecondarla,che i tempi in cui mi comandava a bacchetta erano finiti.

Avrei voluto dirle che non potevo più fingere di essere quella che non sono soltanto per far piacere a lei.

Avrei voluto dirle che il suo sparlare della mia persona mi veniva riferito.

Ma non ce l’ho fatta.

Guardandola col suo vestitino a fiori stirato ad arte e i capelli perfetti nonostante l’afa insopportabile mi sono sentita quasi in pena per lei: essere incapaci di amare deve essere già di per sé una condanna crudele.

Osservandola mi sono chiesta se fosse veramente necessario farle del male soltanto perché lei ne aveva fatto a me.

Avrei voluto vomitarle addosso tutto il livore accumulato negli ultimi anni,tutta la rabbia,e invece inaspettatamente, l’ho abbracciata.

L’ ho fatto con la leggerezza di chi si è accorto di non avere più conti in sospeso col passato.

Lei non ha ricambiato il mio abbraccio,ma non si è nemmeno tirata indietro.

“È già qualcosa” ho pensato.

cropped-tumblr_o4a2irkq6d1tlc5oao1_1280.jpg

Ho sentito crescere dentro di me un’energia incontenibile.

Mi sono allontanata lasciandomi alle spalle una scia di fardelli che pesavano sempre più…il perdono fa sentire più leggeri, a posto con sé stessi.

E liberi.

Ho avuto..

Ho avuto un diverbio in ufficio con un collega e la cosa mi ha portato a riflettere su come le persone si chiudono in se stesse rifugiandosi nel proprio orgoglio.

Sentendosi ferito si è chiuso in un mutismo totale e pur sapendo di non avere ragione non pronuncia parola.
Non pretendo scuse, ma almeno un comportamento normale.

Tenere il  broncio lo considero un atteggiamento infantile.

E’ sempre stato orgoglioso e l’orgoglio distrugge, logora, non sempre è un sentimento positivo il più delle volte porta ad apparire diversi di come si è realmente.

Il quel comportamento adottato ci si sente forse superiori al prossimo ma nello stesso tempo ci si allontana dalla gente, a volte lo si fa con arroganza e sdegno, sicuramente  non appena ci si rende conto che la “grandezza d’argilla” viene messa in discussione
Secondo il mio punto di vista si teme una valutazione col  sospetto di essere rifiutati, giudicati, criticati, di non essere all’altezza della situazione, di perdere qualcosa o qualcuno.
A lungo andare non si è più in grado di vivere rapportandosi spontaneamente, non è più possibile sostenere il confronto: ogni comunicazione diventa un conflitto e un’invasione.

ScreenHunter_02 Mar. 06 21.10

Credo che saper riconoscere i propri errori sia semplicemente umano e il saper chiedere scusa non scaricando su altri le proprie responsabilità sia sinonimo di “spessore ”

A volte basta così poco…anche solo un sorriso e crollano muri e barriere!!